People Management

Welfare e sport

Ieri sera nella cornice del Wembley Stadium ha avuto luogo la semifinale dei campionati europei di calcio, con l’Italia che ai calci di rigore ha strappato alla nazionale spagnola il pass per una storica finale.

Appassionati, e non, domenica sera si uniranno di fronte alla tv in un momento di spensieratezza e convivialità.

Lo Sport, di qualsiasi genere, è da sempre sinonimo di benessere psicofisico, di spirito di gruppo e di inclusione: tematiche centrali anche nel welfare di tipo aziendale.

Le iniziative di welfare collegate allo sport possono essere molteplici, dall’offerta di pacchetti legati al tempo libero (palestra, corsi e abbonamenti ad eventi sportivi) sino alla creazione di eventi e tornei aziendali e intraziendali, ma anche l’informazione su temi di benessere fisico non deve essere sottovalutata.

I moventi per tali attività possono essere diversi, dalla creazione di uno spirito di squadra sino alla realizzazione di uno stile di vita del lavoratore che possa avere influssi positivi anche sull’attività aziendale.

Un corretto stile di vita infatti può portare grandi vantaggi nell’attività lavorativa:

  • Miglioramento memoria e gestione delle informazioni
  • Sfogo dello stress lavorativo e personale
  • Ottimizzazione della capacità di problem solving,
  • Maggiore energia e concentrazione
  • Miglioramento del livello di empatia

Piccole grandi attività che possono interessare in maniera trasversale tutti i lavoratori: con famiglia (magari proprio per i propri cari), ma anche dipendenti “single” che cercando il modo per occupare il proprio tempo libero.

Tempo libero, come detto, sempre fondamentale per il proprio benessere psico-fisico e, di riflesso, anche per il proprio rendimento sul lavoro.

Possiamo quindi passare a parlare di well-being come di una strategia di responsabilità sociale delle imprese che guarda al benessere delle persone inteso in senso olistico: comprende il benessere fisico, il benessere mentale e il benessere sociale, coinvolgendo quindi anche la comunità.

Immaginiamo di organizzare un evento aziendale ed aprirlo al territorio di riferimento; in tal modo riusciremmo a centrare tutti gli elementi fondamentali della responsabilità sociale d’impresa.

Ed inoltre, l’estate si avvicina… siamo pronti alla prova costume?

Luca Furfaro
Luca Furfaro

Consulente del lavoro con proprio studio, assiste le aziende nella gestione delle risorse umane. Iscritto all’Ordine dei consulenti del lavoro di Torino, laureato in scienze politiche all’Università degli studi di Torino, partecipa a convegni in materia giuslavoristica e scrive per alcune testate specializzate in materia lavoro. È stato docente per il Master in consulenza del lavoro organizzato dall’Università degli studi di Torino. Autore del libro “L’esperto in tasca – Fisco lavoro e Previdenza, Le novità del 2017” edito da Itedi, ha contribuito al libro “Non Bastavano i buoni pasto” ed è stato Autore dei libri “Decreto dignità - Le questioni controverse” edito da Giuffrè editore nel 2018 e "Welfare Aziendale" edito da Giuffrè Francis Lefebvre.