People Management

Take it easy

Non giriamoci tanto intorno: arrivati a fine luglio tutti i lavoratori sono sfiniti e non vedono l’ora di riposarsi un po' durante le meritate ferie.

Le ferie, si sa, sono un diritto sancito dalla nostra Costituzione all’articolo 36 e come tale deve essere assolutamente rispettato nel più ampio principio: ossia quello di permettere ai lavoratori il recupero delle energie psicofisiche spese durante il lavoro.

Quindi il lavoratore deve interrompere per un periodo l’attività lavorativa e riposarsi. Questo periodo deve essere preferibilmente continuativo per almeno due settimane durante l’anno di maturazione, può essere imposto dal datore di lavoro e comunicato tempestivamente ai lavoratori.

Il diritto a riposarsi equivale al diritto di non poter monetizzare quello stesso periodo: il datore di lavoro non può erogare ai lavoratori una retribuzione a compensazione delle ferie non godute.

Tanti sono gli scenari collegati che si aprono: solo per citarne qualcuno, penso ad un fattore organizzativo e a uno di sicurezza sul lavoro.

Andiamo con ordine.

Non riuscire a far godere le ferie significa non essere organizzati, non prevedere per tempo che i lavoratori si assenteranno e quindi non riuscire a riorganizzare la mole di lavoro o adeguarsi con delle sostituzioni.
Il risvolto è quello di aumentare lo stress dei lavoratori e peggiorare il clima aziendale.

Lo stress inoltre è un nemico del buon lavoro, non solo del clima aziendale. Lavorare sotto stress, soprattutto quando il periodo si protrae a lungo, porta a lavorare male, non essere pienamente produttivi, a provocare errori e nella peggiore delle ipotesi può anche provocare infortuni sul lavoro. Quindi oltre il danno la beffa!

Se invece il datore di lavoro dedica il giusto tempo all’organizzazione del lavoro gli effetti positivi saranno molteplici: i lavoratori saranno meno stressati, ci sarà un margine di errore inferiore e aumenterà la loro produttività. Gli effetti benefici si riverseranno anche sull’ambiente di lavoro rendendolo più gradevole, riducendo così i possibili infortuni o malattie.

Quindi take it easy non solo adesso che si avvicinano le vacanze ma un po' come motto: per lavorare bene bisogna aver riposato bene.

Francesca Zucconi
Francesca Zucconi

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l’Università degli Studi di Pavia, inizia la sua attività lavorativa nell’ufficio risorse umane di un’importante azienda. Affascinata dal ruolo percorre l’iter che la porta all’abilitazione all’esercizio della professione di Consulente del Lavoro e relativa iscrizione all’albo dei Consulenti del Lavoro di Pavia nel 2015. Dal 2018 è Presidente dell’Associazione Giovani Consulenti del Lavoro di Pavia.