Indagine Bocconi in Acea. Messi a confronto due gruppi di lavoratori: uno tradizionale e uno in smartworking. Il secondo ha registrato il 3-4% di produttività in più. Oltre a minori assenze dal lavoro. Ecco i risultati nel dettaglio. Lo studio finanziato da Commissione europea e Dipartimento pari opportunità della presidenza del Consiglio

di Rita Querzé e Maria Silvia Sacchi

 

Da oggi è provato: lo smart working aumenta la produttività della aziende. Il centro di ricerca Carlo Dondena dell’Università Bocconi ha condotto un «esperimento sul campo» nell’ambito del progetto E.L.E.N.A. cofinanziato da Commissione europea e Dipartimento pari opportunità della presidenza del Consiglio. La verifica è stata condotta din Acea. Nella multiutility dell’acqua e dell’energia partecipata al 51% dal Comune di Roma sono stati individuati due gruppi da 150 dipendenti ciascuno. Il primo ha continuato a lavorare come sempre, presentandosi in azienda negli orari stabiliti. Il secondo ha avuto la possibilità di decidere liberamente da dove svolgere i propri compiti per un giorno alla settimana. Il risultato — a nove mesi dall’inizio del monitoraggio — è stato che i lavoratori «agili» hanno garantito una produttività maggiore del 3-4%.

Gli stessi dipendenti hanno anche avuto un tasso di assenze dal lavoro inferiore rispetto a quello dei colleghi sempre presenti in ufficio. Per la precisione, in media ogni lavoratore smart rinuncia a un pacchetto annuale di permessi straordinari che va da 1,2 a 4,8 giorni. «I miglioramenti sul fronte della produttività sono risultati significativi — tira le somme Paola Profeta, responsabile scientifico del progetto —. Il nostro monitoraggio si è interrotto dopo soli nove mesi ma non escludiamo che nel tempo la produttività possa aumentare ancora, complice la maggiore motivazione dei dipendenti».

In effetti la soddisfazione per il bilanciamento tra vita privata e lavoro è aumentata in media del 6,6%. Per le donne l’incremento è stato del 7,9% contro il 5,4% degli uomini. La propensione delle donne allo smart work...

Continua a leggere su Corriere.it

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy
Informativa ai sensi dell’Art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016