È stato firmato nella notte tra il 22 e il 23 dicembre dopo quasi dieci anni il contratto per gli statali. Nuove regole e scatti sullo stipendio base che vanno dai 63 ai 117 euro lordi al mese, per una media di 85 euro. Ma chi guadagna meno, da marzo, potrà contare anche su un'extra. Non solo, cambiano i licenziamenti, con una stretta su assenteismo, molestie e conflitti di interessi. Ecco le principali novità. [...]

Welfare anche per statali

Piani aziendali per i lavoratori
In sede di contrattazione di secondo livello, le amministrazioni potranno riconoscere ai loro dipendenti benefit ad hoc, dalla polizze sanitarie alle borse di studio per i figli, dal biglietti gratis per i musei ai presiti facili. Per i dipendenti pubblici, insomma, arrivano le misure di welfare aziendale già da tempo diffuse nel privato, che consistono in prestazioni fiscalmente agevolate o esentasse al posto della normale retribuzione: potenzialmente è uno degli aspetti più innovativi del contratto. Gli statali potranno poi contare su un organismo ad hoc per dare impulso al benessere, con un focus su misure di prevenzione dello stress da lavoro e di fenomeni di burn-out, una sorta di esaurimento emotivo che sarebbe sempre più diffuso nel mondo occidentale.

Dipendenti

Vietati i conflitti di interesse.
Sanzioni dalla sospensione al licenziamento, in caso di conflitto d’interessi. Il testo, in linea con il codice di condotta già in vigore nel mondo del lavoro pubblico, chiarisce le situazioni «punibili», fino ad arrivare all’espulsione se il comportamento si ripete più volte. In particolare il dipendente deve astenersi dal partecipare all’adozione di decisioni od ad attività che possano coinvolgere direttamente o indirettamente interessi finanziari o non finanziari propri, del coniuge, di conviventi, di parenti, di affini entro il secondo grado. Confermate nel contratto anche le sanzioni per le molestie sessuali sul luogo di lavoro: si andrà dalla sospensione fino al licenziamento nei casi gravi, che non consistano in un singolo episodio.

Continua a leggere su Il Messaggero.it

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy
Informativa ai sensi dell’Art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016