L'assistenza per gli anziani e i bambini, ma anche l’abbonamento all’autobus, la revisione dell’auto, la pensione integrativa, perfino la rata del mutuo. Sono in aumento i servizi offerti dai datori di lavoro ai dipendenti. Ecco in che modo funziona la nuova “industria del welfare”

All’inizio c’erano le cure termali per gli operai e le colonie estive per i loro figli: iniziative sporadiche, paternalistiche e offerte solo dai grandi gruppi. Parenti alla lontana del welfare aziendale odierno: adesso, secondo Aiwa (Associazione italiana welfare aziendale), 4 imprese su 10 hanno già in pista piani più o meno ambiziosi e nel 35% delle imprese con oltre 100 dipendenti i servizi offerti sono almeno 10. La creatività si scatena: premi di produttività trasformati in rate del mutuo, buoni pasto, servizi di lavanderia e giardinaggio ma anche assistenza sanitaria, previdenza integrativa e orari flessibili, per citare alcune voci.

Le imprese integrano lo Stato

In questo teatro dinamico e un po’ disordinato, qualche attore entra nell’ombra e compaiono nuovi protagonisti. Un dato è certo: per i noti problemi di bilancio, lo Stato sociale arretra. Nel farlo, concede alle aziende di sforbiciare di netto tasse e contributi sui servizi ai dipendenti. L’alleggerimento fiscale più recente, con la legge di Stabilità 2018, tocca anche gli abbonamenti a treni, bus e tram. Mentre il settore pubblico rimpicciolisce, irrompono sulla scena operatori privati, come banche e società di brokeraggio, che forniscono alle aziende un’ampia rete di servizi su piattaforme di welfare: 3 anni fa erano una manciata, oggi sfiorano la novantina.

La babysitter è meglio del voucher

«Se le aziende usano il welfare solo per risparmiare sul fisco, il discorso resta di corto periodo. Serve una visione più ampia [...] I dipendenti considerano 3 volte più utili dei buoni in denaro i servizi su misura. Non basta dare a una mamma un voucher per il nido se poi lei fatica a trovarne uno in zona. Così chi si prende cura di un genitore non autosufficiente ha bisogno anche di..."

 

Continua a leggere su Donna Moderna.com

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy