Law and Finance

Insieme per andare lontano

Francesca Zucconi Francesca Zucconi

L’individualismo consiste nell’affermare e valorizzare gli interessi e l’autonomia del singolo rispetto alla collettività cui fa parte.

Molto spesso, però, il lavoro di squadra produce effetti decisamente migliori e con tempistiche più immediate rispetto ad una gara da solista.

Certo, sembra difficile pensare che un’azienda non ragioni in termini individuali per il raggiungimento dei suoi obiettivi ma allo stesso tempo deve essere in grado di allargare i propri orizzonti: quante volte le piccole aziende incuriosite dalla possibilità di inserire un piano welfare nella loro realtà si sono invece tirate indietro affermando “in teoria sarebbe molto bello, ma per la mia realtà è impraticabile”.

Così le aziende motivate dallo stesso interesse, per colmare questo gap e dotarsi di un piano welfare possono decidere di unire le loro forze creando reti.

Concretamente come può realizzarsi una rete di aziende che agiscono in ambiti diversi?

In realtà ciò che conta non è l’ambito di appartenenza dell’azienda ma l’interesse nell’ottenere un certo obiettivo, per far questo si deve partire istituendo organizzazioni sul territorio strutturate per coinvolgere le piccole e medie imprese, e soprattutto reggano appunto la gestione organizzativa: condividono investimenti, informazioni, servizi professionali, ma anche iniziative con altre aziende limitrofe.

Va da sé che una piccola azienda abbia un potere economico e contrattuale diverso rispetto all’unione di più aziende e in questo modo, con un impegno contenuto possono essere soddisfatte le varie esigenze dei lavoratori seppur impiegati in aziende differenti.

Concretamente, in questo modo le aziende possono agevolmente offrire convezioni con i trasporti pubblici o con centri per la cura dei genitori anziani o centri estivi per i figli quando le scuole sono chiuse e i lavoratori non possono accudirli.

Ma non solo, pensiamo ai servizi di car sharing e carpooling: una piccola azienda non avrebbe le forze per sostenere la spesa ma l’unione di più richieste porterebbe alla buona riuscita dell’intenzione e non solo, favorirebbe anche la socialità tra persone che pur abitando nello stesso territorio non si conoscono.

Francesca Zucconi
Francesca Zucconi

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l’Università degli Studi di Pavia, inizia la sua attività lavorativa nell’ufficio risorse umane di un’importante azienda. Affascinata dal ruolo percorre l’iter che la porta all’abilitazione all’esercizio della professione di Consulente del Lavoro e relativa iscrizione all’albo dei Consulenti del Lavoro di Pavia nel 2015. Dal 2018 è Presidente dell’Associazione Giovani Consulenti del Lavoro di Pavia.