Le fonti di
finanziamento

Per attivare un Piano Welfare
ci sono diverse fonti di finanziamento

Il Welfare Aziendale è uno strumento
in grado di valorizzare l’azienda attraverso
il miglioramento della qualità della vita personale e familiare dei propri collaboratori.

Un’azienda che vuol introdurre un piano di Welfare per i propri dipendenti si trova davanti alla scelta di quale fonte di finanziamento adottare.

Finanziamento diretto

Il finanziamento diretto è un investimento dell’azienda, che concede somme aggiuntive rispetto alla retribuzione ordinaria e ad eventuali altri premi. Consiste nell'istituzione ex novo di un premio sociale previsto in servizi di Welfare aziendale, prevedendo eventualmente criteri di erogazione o di quantificazione del premio legati a performance aziendali e/o individuali. Il premio può essere erogato all'intera popolazione aziendale o a categorie omogenee di dipendenti.

Un Piano di Welfare aziendale con finanziamento diretto può essere:

1. Non regolato (liberalità pura);
2. Previsto da un regolamento pluriennale validato formalmente dal board dall'azienda (unilaterale)
3. Previsto da contratto aziendale o territoriale (bilaterale)

L’impegno espresso dell’azienda attraverso un regolamento siglato (2) o un contratto aziendale o territoriale (3) permette la fruizione dei servizi dell’ex articolo 51 e ex articolo 100 del TUIR senza limite di deducibilità del 5 per 1000 delle spese per il personale. Nel caso della liberalità (1), invece, vige il suddetto limite di deducibilità per servizi ex. articolo 100.

Conversione del Premio di Risultato

Un’altra possibile fonte di finanziamento per l’attuazione di un Piano Welfare è la conversione del Premio di Risultato, nei limiti e secondo i vincoli previsti dalla Legge di Stabilità. Il Premio di Risultato è espresso da una relazione bilaterale: è formalizzato tramite una contrattazione di secondo livello con le rappresentanze sindacali.
Le modalità di erogazione e conversione del premio sono definite tra le parti e la scelta relativa alla quota di premio da percepire in Welfare, nei limiti previsti dalla Legge, è lasciata al dipendente.

Oltre ai servizi dell’ex articolo 51, la conversione del Premio di Risultato permette di attivare anche la possibilità di usufruire dei servizi indicati nell’articolo 100 del TUIR, non assoggettata al limite di deducibilità del 5 per 1000 delle spese per il personale. Con un piano Welfare finanziato attraverso la conversione del Premio di Risultato, inoltre, le somme versate per forme pensionistiche complementari e assistenza sanitaria integrativa non concorrono al raggiungimento dei limiti di deducibilità previsti dalla legge per questi servizi.

Vuoi una consulenza su misura per la tua azienda? Contatta un consulente Well-Work.

Compila il form per richiedere la tua consulenza su misura e una Demo Gratuita:

Well-Work è al tuo fianco per offrirti un’analisi della popolazione aziendale della tua impresa, offrendo una Piattaforma tecnologica di facile utilizzo con cui gestire, scegliendo tra una vasta gamma di beni e servizi, la quota benefit stabilita e garantendo un supporto ed un’assistenza continua.

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy