Welfare Aziendale e Work Life Balance

Una recente indagine dice che i lavoratori vorrebbero fare più sport; attività sedentarie, stressanti e stancanti necessitano di una valvola di sfogo.

La maggior parte dei lavoratori vorrebbe quindi che le aziende inserissero all'interno delle misure di welfare aziendale convenzioni con palestre, abbonamenti o altri servizi connessi all'attività fisica.

Sul discorso avevamo già visto le diverse possibilità d’intervento, ma in questo contributo vorrei affrontare la tematica da un punto di vista di work life balance e di vantaggi per l’azienda.
Tutti prima dell’estate, anche ammaliati dalle allettanti offerte delle strutture, ci iscriviamo in palestra in vista della prova costume; molto spesso però, tale abbonamento risulta solo un'altra tessera inutilizzata all'interno del nostro portafoglio.

Le motivazioni alla base di tutto ciò si possono anche ricercare nell’obiettiva carenza di tempo per l’attività.

È bene quindi capire che quando parliamo di work life balance non ci stiamo riferendo solo alle attività di gestione dei familiari, siano essi bambini o anziani, ma ci riferiamo a quello che più in generale è la vita privata, fatta si di affetti ma anche d’interessi più o meno futili.

E allora come conciliare i tempi di lavoro con attività sportive o altri hobby?

Le soluzioni che vengono in aiuto delle aziende che riscontrano questa necessità sono molteplici:

  • La flessibilità oraria, gestire in maniera flessibile entrata, uscita e magari anche la pausa pranzo in maniera da riuscire a dedicarsi alle proprie attività
  • Lo smartworking, scollegare l’attività dal luogo fisico e dall’orario aziendale può dare la possibilità coniugare i diversi aspetti privati
  • Palestra aziendale, la creazione di un luogo interno all’azienda ove svolgere attività fisica.
  • Voucher per abbonamenti in palestra esterna

Inoltre l’azienda, in un’ottica di team building potrà creare degli eventi sportivi, che renderanno più affiatati i dipendenti ma che potranno anche essere un modo per creare network con altre aziende.

S’immagini ad esempio la creazione del torneo di calcetto aziendale o interaziendale, ma anche una giornata di sport dove lavoratori e famiglie si avvicinano e si sentono parte dell’azienda.
Insomma non solo vantaggi economici ma anche vantaggi di reputazione del brand e possibilità di trattenere i talenti.

Luca Furfaro

Consulente del lavoro con proprio studio, assiste le aziende nella gestione delle risorse umane.
Iscritto all’Ordine dei consulenti del lavoro di Torino, laureato in scienze politiche all’Università degli studi di Torino, partecipa a convegni in materia giuslavoristica e scrive per alcune testate specializzate in materia lavoro.
È stato docente a contratto per il Master in consulenza del lavoro organizzato dall’Università degli studi di Torino.
Autore del libro “L’esperto in tasca – Fisco lavoro e Previdenza, Le novità del 2017” edito da Itedi.

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy
Informativa ai sensi dell’Art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016