Quando ci soffermiamo sui vantaggi del welfare, spesso parliamo di come la non imponibilità risulti vantaggiosa per il dipendente poiché non rende applicabile la tassazione IRPEF ordinaria.

In questo intervento cercheremo di andare a chiarire il concetto di tassazione ordinaria e di Irpef così da meglio comprendere il vantaggio del welfare aziendale.Tassazione Irpef

Tutti i redditi da lavoro dipendente, ossia i redditi che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione lavorativa alle dipendenze e sotto la direzione di altri soggetti (art.49 TUIR, D.P.R. 22/12/1986 n° 917), sono sottoposti ad una tassazione. La tassazione viene definita ordinaria per i compensi correnti, mentre separata per i compensi si sono formati durante periodi precedenti come, ad esempio, il trattamento di fine rapporto.
Il TUIR tratta l’imposta sul reddito delle persone fisiche, un’imposta progressiva che, dopo la sua introduzione nel 1973, è stata revisionata.

Per i lavoratori dipendenti o i pensionati, il pagamento dell’Irpef avviene tramite le trattenute mensili in busta paga e in sede di compilazione del modello 730; per i lavoratori autonomi, invece, avviene in sede di dichiarazione dei redditi tranne il modello unico persone fisiche.

Attualmente è prevista una “no tax area” per i redditi fino a €8.140,00 e, in base agli scaglioni di reddito, sono previste aliquote differenti che fluttuano dal 23% al 43%. Essendo un’imposta progressiva, a partire dal secondo scaglione in poi (reddito superiore a quello dell’aliquota base), le aliquote successive vengono applicate per la parte di reddito eccedente.

Scaglioni di reddito annuali Aliquota IRPEF 2018

Sono esclusi dalla tassazione Irpef determinati redditi.

Rientrano tra questi i redditi di sola pensione fino a € 7.500,00 sotto i 75 anni di età del soggetto (€ 8.125,00 sopra i sotto i 75 anni di età del soggetto), i redditi della sola unità immobiliare considerata come abitazione principale e delle relative pertinenze e i redditi di terreni per un massimo di €185,92.
L’imponibile della tassazione Irpef non è composto esclusivamente dai redditi da lavoro dipendente, ma anche da somme ad esso assimilate, elencate nell’art.50 del Tuir.

Successivamente, all’art. 51, vengono elencate tutte le somme che concorrono o meno al reddito di lavoro dipendente. Quest’ultimo articolo, insieme all’art.100 Tuir che descrive quali valori non sono soggetti ad imponibilità, influisce positivamente sulla scelta d’introduzione di un piano di welfare aziendale.

Luca Furfaro

Consulente del lavoro con proprio studio, assiste le aziende nella gestione delle risorse umane.
Iscritto all’Ordine dei consulenti del lavoro di Torino, laureato in scienze politiche all’Università degli studi di Torino, partecipa a convegni in materia giuslavoristica e scrive per alcune testate specializzate in materia lavoro.
È stato docente a contratto per il Master in consulenza del lavoro organizzato dall’Università degli studi di Torino.
Autore del libro “L’esperto in tasca – Fisco lavoro e Previdenza, Le novità del 2017” edito da Itedi.

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy
Informativa ai sensi dell’Art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016

Scopri il mondo Well Work e il nostro portale Welfare!
Compila il form qui sotto, i nostri Welfare Specialist ti contatteranno al più presto.



X
Contattaci