Rimborso spese di assistenza familiari: il vantaggio del welfare aziendale

Parte fondamentale per la gestione di un piano di welfare aziendale è la scelta dei servizi erogabili e la gestione dei limiti di esenzione.

L’età della popolazione aziendale e il territorio di riferimento svolgono un ruolo importante sulle scelte dei dipendenti.

La legge di bilancio 2017, ai commi 160-162 dell’articolo 1, va ad integrare e a modificare le precedenti previsioni introdotte dalla legge di Stabilità 2016 (la 208/2015).

In particolare, le modifiche più rilevanti riguardano sia la gestione dei piani di welfare aziendale sia quella degli accordi sindacali per la detassazione dei premi di produttività/partecipazione agli utili.

Le modifiche normative, entrate in vigore il 1° gennaio, continuano nel solco volto ad incentivare i piani di welfare.

Attenzione particolare merita l’introduzione della lettera f-quater con la quale vengono individuati nuovi benefit in welfare aziendale cui la generalità dei dipendenti, o una categoria, potrebbero fare ricorso per ottenere assistenza a favore dei familiari.

La nuova previsione normativa afferma che non concorrono a formare reddito i contributi e i premi versati dal datore di lavoro per prestazioni, anche in forma assicurativa, aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana o aventi per oggetto il rischio di gravi patologie.

Rientrano tra le prestazioni oggetto dell’intervento, oltre alle gravi patologie, quelle individuate nell’ambito delle disposizioni che regolano i fondi sanitari integrativi del servizio sanitario nazionale, quali prestazioni sociali a rilevanza sanitaria da garantire alle persone non autosufficienti al fine di favorire l’autonomia e la permanenza a domicilio, con particolare riguardo:

  • all’assistenza tutelare;
  • all’aiuto personale nello svolgimento delle attività quotidiane;
  • all’aiuto domestico familiare; alla promozione di attività di socializzazione volta a favorire stili di vita attivi.

Rientrano, inoltre, le prestazioni presso le strutture residenziali e semi-residenziali per le persone non autosufficienti non assistibili a domicilio, incluse quelle di ospitalità alberghiera e le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale.

Luca Furfaro

Consulente del lavoro con proprio studio, assiste le aziende nella gestione delle risorse umane.
Iscritto all’Ordine dei consulenti del lavoro di Torino, laureato in scienze politiche all’Università degli studi di Torino, partecipa a convegni in materia giuslavoristica e scrive per alcune testate specializzate in materia lavoro.
È stato docente a contratto per il Master in consulenza del lavoro organizzato dall’Università degli studi di Torino.
Autore del libro “L’esperto in tasca – Fisco lavoro e Previdenza, Le novità del 2017” edito da Itedi.

Sede operativa:

Centro direzionale Colleoni
Palazzo Cassiopea 3
Via Paracelso, 26
20864 Agrate Brianza (MB)

Sede legale:

Viale Cristoforo Colombo, 3
12030 Cavallermaggiore (CN)

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved
Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding Società Semplice