Il Welfare Aziendale per i Millennials

Il Welfare non può essere per tutti uguale, cambiano le esigenze in base al sesso, in base alla situazione reddituale ed in base all'età.

Possiamo anche fare una divisione andando a prendere in esame le diverse generazioni, prima fra tutti la conosciuta generazione dei Millenials.

I Millennials sono la generazione di utenti (chiamata anche Generazione Y) nati tra il 1980 ed il 2000, i quali attualmente si trovano nella fascia d’età 18-38 anni. I Millennials sono la prima generazione della storia che nella propria età adulta presenta dimestichezza con la tecnologia digitale. Possiamo dire che sono la prima generazione digitale, anche se non nativa.

In merito al Welfare possiamo andare a trattare due distinti aspetti, le forme ed i mezzi.

Per quanto riguarda le forme di Welfare i Millennials devono essere inquadrati sia in base all'età che in base alle prospettive della generazione.
Difatti se da una parte possiamo inquadrare tali lavoratori tra i giovani quindi più propensi alla carriera ed al benessere, dall'altro dobbiamo guardare anche alle prospettive che vengono proposte alla generazione.

Una generazione che vede a rischio la futura pensione e che quindi, con la consapevolezza delle problematiche future potrebbe optare anche per la gestione di una previdenza complementare.
Inoltre, i Millennials hanno maturato una coscienza etica ed una responsabilità sociale che sfocia anche nel riconoscersi nell'impegno aziendale.

Quindi carriera sì ma in aziende eticamente responsabili, attenzione al futuro per le problematiche previdenziali e voglia di godersi i servizi di benessere e lavorare in aziende felici.

I Millennials inoltre conoscono il valore della formazione, avendo vissuto, o avendo notizia precisa degli sconvolgimenti portati da internet e dall'innovazione tecnologica.

Essere al passo con le innovazioni tecnologiche ed anche con le novità concernenti il mondo del lavoro, l’aggiornamento è quindi una delle maggiori richieste da parte della generazione Y nel mondo del lavoro.

Da un punto di vista operativo i Millennials hanno dimestichezza con app e portali, non sarà quindi problematico per loro la gestione di piani di welfare attraverso portali aziendali o esterni e l’utilizzo di app per convenzioni e altri servizi.

Luca Furfaro

Consulente del lavoro con proprio studio, assiste le aziende nella gestione delle risorse umane.
Iscritto all’Ordine dei consulenti del lavoro di Torino, laureato in scienze politiche all’Università degli studi di Torino, partecipa a convegni in materia giuslavoristica e scrive per alcune testate specializzate in materia lavoro.
È stato docente a contratto per il Master in consulenza del lavoro organizzato dall’Università degli studi di Torino.
Autore del libro “L’esperto in tasca – Fisco lavoro e Previdenza, Le novità del 2017” edito da Itedi.

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy
Informativa ai sensi dell’Art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016