Cristiano Ronaldo e il Welfare Premiale

La notizia della settimana è il milionario trasferimento di Cristiano Ronaldo alla Juventus.
Certo in molti si chiederanno cosa possa centrare questo con l’argomento welfare, per capire il ragionamento occorre partire da un po' più lontano.

In particolare, occorre riportare la memoria ai fatti della partita di andata della Champions League tra Juventus e Real Madrid. In quella partita il pubblico juventino, dopo il goal in rovesciata dello stesso Ronaldo, rivolge un applauso forte, sentito e prolungato al calciatore avversario. In quel momento gli occhio di Cristiano Ronaldo si rivolgono al pubblico con cenni di ringraziamento e riconoscenza; a distanza di mesi avviene il trasferimento alla Juventus.

Certo la prima obiezione che sarà sollevata è che un ingaggio da circa 30 milioni di euro netti può aiutare nella decisione, ma stiamo parlando di un campione globale che avrebbe avuto la possibilità di valutare anche altre ipotesi, e di un mondo, quello del calcio, che viaggia su cifre non comprensibili per i “comuni mortali”.

Ma questo non vuole essere un articolo su Cristiano Ronaldo e sul calciomercato, con questo esempio volevo evidenziare il concetto di soddisfazione e di riconoscimento per il lavoro svolto.

Diverse ricerche hanno sottolineato come un maggiore livello di soddisfazione porta anche ad una maggiore produttività. Soddisfazione nelle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa, e riconoscimenti per il lavoro svolto.

Il welfare si colloca in questo contesto come una modalità per premiare il lavoro svolto.
Con il welfare premiale il datore di lavoro premia i lavoratori più meritevoli concedendogli valori crescenti al raggiungimento di determinati obiettivi, che possono essere anche individuali come chiarito anche dall’Agenzia delle Entrate.

Creare quindi dei piani premiali di riconoscimento dei risultati individualmente raggiunti è una modalità di feedback che unisce un classico meccanismo premiale, ad un innovativo sistema per mantenere bassi i costi aziendali, aumentando il percepito da parte del dipendente.

Il premio potrà essere anche strutturato con contest mensili che vadano a premiare l’impiegato del mese, il commerciale del mese o qualsiasi altro possibile riconoscimento immaginabile. La parte importante sarà quella di creare un riconoscimento che sia oggettivo, chiaro e specifico, con preventiva regolamentazione dettagliata.

Potremmo riconoscere in questo meccanismo diversi benefici:

  • il dipendente si impegnerà per raggiungere il risultato per accedere al welfare prospettato;
  • al riconoscimento del lavoro svolto il dipendente si riterrà soddisfatto e gratificato e sarà invogliato alla fedeltà ed a continuare ad impegnarsi;
  • il welfare riconosciuto ha, come è noto, la capacità di accrescere la produttività dei lavoratori.
    Attenzione anche ai non premiati, che per essere “recuperati”, potranno essere inseriti in un percorso formativo o di comprensione delle problematiche riscontrate.

E allora forza, un grande applauso al dipendente che riuscirà a fare goal nel proprio lavoro.

Luca Furfaro

Consulente del lavoro con proprio studio, assiste le aziende nella gestione delle risorse umane.
Iscritto all’Ordine dei consulenti del lavoro di Torino, laureato in scienze politiche all’Università degli studi di Torino, partecipa a convegni in materia giuslavoristica e scrive per alcune testate specializzate in materia lavoro.
È stato docente a contratto per il Master in consulenza del lavoro organizzato dall’Università degli studi di Torino.
Autore del libro “L’esperto in tasca – Fisco lavoro e Previdenza, Le novità del 2017” edito da Itedi.

Well-Work s.r.l.

Sede legale: Via Siccardi, 34, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Sede Operativa e Commerciale: Viale Cristoforo Colombo, 3, 12030 Cavallermaggiore (CN) – Altre sedi Commerciali:  Via di San Basilio 41, 00187 Roma (RM) – Via Libero Temolo 4, 20126 Milano – Tel: 0172.38.93.25Fax: 0172389127PEC: well-work@pec.it – Capitale Sociale: 250.000,00 i.v. – R.E.A CN – 231645 – P.IVA E C.F.: 02729720041 – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding società semplice.

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved.

Privacy Policy
Informativa ai sensi dell’Art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016