Attivare Welfare senza DURC? Valide le agevolazioni fiscali.

Abbiamo più volte sottolineato come il Welfare rivesta notevole interesse per le aziende anche per via delle agevolazioni di tipo fiscale e contributivo che lo escludono dall’imponibilità.

Il welfare aziendale, entro i limiti di legge, azzera la trattenuta fiscale e previdenziale in capo a dipendente e datore di lavoro. Solitamente le agevolazioni e gli incentivi richiedono il rispetto dell’articolo 1, comma 1175 della legge 296/2006, che sostanzialmente prevede che i datori di lavoro, per accedere ad agevolazioni normative e contributive in materia lavoro, debbano essere in regola con il versamento dei contributi e dei premi assicurativi.

In molti si sono chiesti se l’agevolazione concessa al welfare dovesse rispettare tale norma, ma sia l’Agenzia delle Entrate che l’Inps non sono intervenute con documenti di prassi in merito.
Lo ha fatto invece l’Ispettorato nazionale del lavoro, anche se in maniera un po’ inusuale, con il commento di Fabrizio Nativi alla quindicesima edizione del Forum Lavoro.

Secondo l’orientamento dell’Inl la richiesta di regolarità contributiva contenuta al comma 1175 non hanno alcuna relazione con il regime fiscale e contributivo stabilito per il welfare aziendale per la cui applicazione, quindi, non operano le limitazioni previste e non è richiesto neanche il possesso del documento unico di regolarità contributiva (DURC).

I datori di lavoro quindi, seppure non regolari dal punto di vista contributivo e assicurativo, potranno utilizzare comunque i vantaggi forniti dalla creazione di politiche di welfare aziendali, siano esse gestite con regolamento oppure con accordo sindacale; il tutto naturalmente nel rispetto dei limiti impositivi e procedurali previsti.

Luca Furfaro

Consulente del lavoro con proprio studio, assiste le aziende nella gestione delle risorse umane.
Iscritto all’Ordine dei consulenti del lavoro di Torino, laureato in scienze politiche all’Università degli studi di Torino, partecipa a convegni in materia giuslavoristica e scrive per alcune testate specializzate in materia lavoro.
È stato docente a contratto per il Master in consulenza del lavoro organizzato dall’Università degli studi di Torino.
Autore del libro “L’esperto in tasca – Fisco lavoro e Previdenza, Le novità del 2017” edito da Itedi.

Sede operativa:

Centro direzionale Colleoni
Palazzo Cassiopea 3
Via Paracelso, 26
20864 Agrate Brianza (MB)

Sede legale:

Viale Cristoforo Colombo, 3
12030 Cavallermaggiore (CN)

2018 © Copyright Well-Work SRL – All rights reserved
Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Milanesio Holding Società Semplice